Gli ultimi soldati sovietici che liberarono Auschwitz morirono all’età di 98 anni

David Duchman, l’ultimo sopravvissuto sovietico Il soldato coinvolto nella liberazione nazista campo di sterminio in Auschwitz, Morto. Aveva 98 anni.

La comunità ebraica di Monaco e dell’Alta Baviera ha dichiarato domenica che Duchmann è morto sabato in un ospedale di Monaco.

I servizi del 77° anniversario di oggi come promemoria della grandezza americana

“Ogni testimone della storia che passa è una perdita, ma vedere David Duchmann è particolarmente doloroso”, ha detto Charlotte Knobloch, ex presidente del Consiglio centrale degli ebrei in Germania. “Duschmann era proprio in prima linea quando il meccanismo di uccisione utilizzato dai nazionalsocialisti è stato distrutto”.

Da giovane soldato dell’Armata Rossa, il 27 gennaio 1945 Duchmann abbatté con il suo carro armato T-34 il proibitivo recinto elettrico attorno al famigerato campo di sterminio nazista.

Ha ammesso che lui e i suoi compagni non si sono resi immediatamente conto della piena portata di ciò che è accaduto in lui Auschwitz.

“Gli scheletri sono ovunque”, ricorda in un’intervista del 2015 con la Sueddeutsche Zeitung di Monaco. “Sono inciampati dalle baracche, si sono seduti e si sono sdraiati tra i morti. Terribile. Tutti noi abbiamo gettato loro il nostro cibo in scatola e siamo andati subito a dare la caccia ai fascisti.”

Oltre un milione di persone, per lo più ebrei, deportati da tutto il mondo Europa, dai nazisti ad Auschwitz-Birkenau tra il 1940 e il 1945.

Banner “Arbeit Macht Frei” nell’ex campo di concentramento nazista di Auschwitz a Oswiechem, in Polonia. (Foto di Jakub Porzycki/NurPhoto via Getty Images)

Duchmann è stato precedentemente coinvolto in alcuni dei più sanguinosi scontri militari in seconda guerra mondiale, comprese le battaglie di Stalingrado e Kursk. È stato gravemente ferito tre volte ma è sopravvissuto alla guerra ed è uno dei soli 69 soldati nella sua divisione di 12.000 uomini.

READ  L'Organizzazione mondiale della sanità fornisce nomi alfabetici greci facili da pronunciare e non stigmatizzanti per le varianti del coronavirus

Nel frattempo, suo padre – un ex medico militare – fu imprigionato e in seguito morì in un campo di punizione sovietico dopo essere caduto vittima di una delle purghe di Joseph Stalin.

Dopo la guerra, Duchmann aiutò ad addestrare la squadra nazionale di scherma femminile dell’Unione Sovietica per quattro decenni e fu testimone dell’attacco di otto terroristi palestinesi alla squadra israeliana alle Olimpiadi di Monaco del 1972, uccidendo 11 israeliani, cinque palestinesi e un poliziotto tedesco.

Più tardi nella sua vita, Duchmann ha visitato le scuole per raccontare agli studenti la guerra e gli orrori dell’Olocausto. Inoltre, spolvera regolarmente le sue medaglie militari per la partecipazione ai raduni dei veterani.

“Duschmann era un leggendario allenatore di scherma e l’ultimo liberatore sopravvissuto del campo di concentramento di Auschwitz”, ha affermato il Cio in una nota.

Il presidente del CIO Thomas Bach ha elogiato Duchmann, raccontando come il veterano allenatore gli abbia offerto “amicizia e consigli” nel 1970 come giovane schermidore in quella che allora era la Germania Ovest “nonostante l’esperienza personale del signor Duchmann con la seconda guerra mondiale e Auschwitz, essendo un uomo di religione ebraica origine.

“Questo è stato un gesto profondamente umano che non dimenticherò mai”, ha detto Bach in una nota.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

Il Comitato Olimpico Internazionale ha affermato che Duchman ha allenato alcuni degli schermitori di maggior successo in Unione Sovietica, tra cui Valentina Sidorova, e ha continuato a dare lezioni fino ai suoi 90 anni.

La moglie, il marito di Duchman, è morto diversi anni fa.

I dettagli delle disposizioni funebri non sono stati immediatamente noti.

READ  Netanyahu ha lottato per rimanere al potere lo scorso fine settimana come primo ministro israeliano

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Tux Maniacs