In lettere trapelate, Boris Johnson ha definito il suo ministro della salute “senza speranza”

LONDRA – La notte del 26 marzo 2020, mentre il coronavirus si stava diffondendo in Gran Bretagna e i suoi leader stavano lottando per elaborare una risposta, il primo ministro Boris Johnson ha deriso il suo ministro della salute, con volgarità, definendola completamente “senza speranza”, secondo il È stato citato da un giornalista. Un messaggio di testo inviato dal suo ex consigliere capo.

Il messaggio WhatsApp, uno dei numerosi messaggi condivisi mercoledì dall’ex aiutante di Johnson, Dominic Cummings, ha riacceso il dibattito su come la Gran Bretagna ha gestito i primi giorni della pandemia, un periodo che secondo Cummings è passato da un binario all’altro. Impossibile impostare un programma di test e monitoraggio efficace.

In una testimonianza motivata davanti al Parlamento il mese scorso, Cummings ha accusato gran parte del caos del suo segretario alla salute, Matt Hancock, che lo ha accusato di incompetenza nel rango e di mentire in serie. Il signor Hancock ha negato le accuse davanti ai legislatori la scorsa settimana. Ha detto che stava “prevedendo” che il signor Cummings non avesse presentato prove a sostegno delle sue affermazioni più antincendio.

I messaggi di WhatsApp e un allegato al blog di 7.000 parole sono il tentativo dell’ex assistente di fare proprio questo. Rappresentano un governo sotto pressione incessante, che corre per mettere in sicurezza ventilatori e dispositivi di protezione, espandendo il programma di test e stabilendo la giusta strategia per evitare il collasso degli ospedali del paese.

In uno scambio di testo con Johnson il 26 marzo, Cummings ha osservato che gli Stati Uniti sono passati da 2.200 test al giorno a 100.000 persone in due settimane. Ha detto che il signor Hancock era “scettico” sulla sua capacità di testare fino a 10.000 al giorno, nonostante avesse promesso due giorni fa di raggiungere quell’obiettivo in pochi giorni.

READ  La Melbourne australiana esce dal blocco COVID-19 ma rimangono alcune restrizioni

Questo scambio ha portato alla descrizione oscena del signor Johnson del signor Hancock, che è stata seguita da una serie di chiamate dopo la mezzanotte al signor Cummings che non sono state raccolte dall’assistente. Il signor Cummings ha detto che il signor Johnson stava cercando di chiamarlo per dirgli che lui stesso era appena risultato positivo al virus.

Ciò ha portato a un periodo turbolento in cui Johnson si è ammalato gravemente di Covid-19 ed è finito in terapia intensiva, mentre il suo governo ha lottato per contenere un virus che si stava diffondendo in tutto il paese. In un certo senso, ha detto Cummings, la situazione è migliorata: Johnson ha delegato il suo Segretario di Stato, Dominic Raab, a presiedere le riunioni in sua assenza, e il signor Raab ha fatto un lavoro migliore.

Il signor Cummings ha scritto: “Rabb potrebbe presiedere le riunioni in modo appropriato invece di raccontare storie e barzellette confuse”. “Ha permesso ai funzionari davvero bravi di interrogare le persone, quindi abbiamo iniziato ad arrivare alla verità, a differenza del primo ministro che una volta che le cose sono diventate un po’ imbarazzanti fa tutto il pollice in alto e lo blocca fuori dalla stanza prima che qualcuno non sia d’accordo”.

Il signor Cummings non è certo un osservatore neutrale. Lui e Johnson hanno avuto un’aspra faida un anno dopo che Cummings ha ideato la campagna elettorale che ha dato al Partito Conservatore di Johnson una maggioranza di 80 seggi in Parlamento. Johnson lo ha licenziato lo scorso novembre e l’assistente ha recentemente intrapreso una sorta di guerriglia contro il suo ex capo sui social media.

READ  Gli studenti dell'Oxford College rimuovono il ritratto della regina, citando il colonialismo: NPR

Il sostegno pubblico a Johnson è rimasto forte mentre la Gran Bretagna si riprendeva dal suo inizio traballante per la rapida diffusione dei vaccini. Da parte sua, il signor Cummings è stato famigerato dallo scorso anno quando sono emerse notizie secondo cui aveva infranto le regole di blocco per percorrere 260 miglia fino alla casa dei suoi genitori nel nord dell’Inghilterra.

Gli screenshot di testo di WhatsApp forniscono un resoconto frammentario di ciò che è accaduto al numero 10 di Downing Street in quel periodo. Il signor Hancock ha affermato che non c’era mai stata carenza di dispositivi di protezione a livello nazionale, che il sistema di test aveva finalmente funzionato e che tutti coloro che avevano bisogno di cure per Covid-19 lo avevano.

Nella sua testimonianza, Hancock ha detto di non sapere perché il signor Cummings avesse una tale ostilità nei suoi confronti. Ha detto che era consapevole che il signor Cummings stava istigando la sua espulsione. Ma ha insistito che il signor Johnson non aveva mai vacillato nel suo sostegno e ha suggerito che è stato il signor Cummings a perdere il lavoro.

“La cosa migliore che si può dire su questo, che molte persone al governo sosterranno, è che il governo ha fatto meglio negli ultimi sei mesi”, ha detto Hancock a una commissione parlamentare.

Tuttavia, Cummings è stato al centro della risposta al Covid e i suoi messaggi WhatsApp con Johnson sono serviti come uno sguardo in tempo reale su come il governo lo sta affrontando. Ha accusato il signor Hancock di riscrivere la storia, sottolineando che la Gran Bretagna aveva inizialmente abbandonato i test della comunità prima di riportarli indietro con l’obiettivo tanto pubblicizzato del signor Hancock di 100.000 test al giorno entro la fine di aprile 2020.

READ  Perché economisti e attivisti sono delusi dagli impegni with

Devi Sridhar, capo del Global Public Health Program presso l’Università di Edimburgo, ha affermato che le ultime informazioni “confermano che la capacità di eseguire i test è stata un collo di bottiglia, sebbene non l’abbiano pubblicamente riconosciuto”. Ma la prof.ssa Sridhar ha affermato di dubitare che “la stragrande maggioranza del pubblico britannico sia interessata a questi scambi. Vogliono che il Covid sia sradicato e che i loro vaccini e le loro vite continuino”.

In effetti, le rivelazioni di Cummings sembrano in gran parte progettate per modellare la narrativa in vista di un’inchiesta parlamentare su come il governo ha gestito la pandemia, che secondo lui non sarebbe stata completata prima che Johnson lasciasse l’incarico.

Il signor Cummings ha citato altri due incidenti che, secondo lui, hanno mostrato la sfiducia del signor Johnson nei confronti del suo ministro della salute. Il 27 marzo dello scorso anno, mentre gli ospedali si riempivano, Cummings ha inviato un messaggio al primo ministro per dire che il governo aveva rifiutato le offerte di respiratori perché i fornitori avevano aumentato i loro prezzi.

“Sono Hancock”, ha risposto Johnson. “Era senza speranza.”

Un mese dopo, il signor Cummings e il signor Johnson stavano di nuovo deliberando nei messaggi di testo a tarda notte, questa volta sulla carenza di maschere per il viso e altri dispositivi di protezione individuale negli ospedali. Il primo ministro ha lanciato l’idea di restituire la responsabilità a un altro ministro del governo, Michael Gove.

“Sulle ppe è un disastro”, ha scritto Johnson, “non riesco a pensare ad altro che a togliere Hancock e mettere al lavoro Goff”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Tux Maniacs