La Corte Suprema si pronuncia contro gli immigrati con status temporaneo

Washington (AFP) – Una Corte suprema ha stabilito lunedì all’unanimità che migliaia di persone che vivono negli Stati Uniti per motivi umanitari non possono richiedere la residenza permanente.

Giudice Elena Kagan libri per il tribunale La legge federale sull’immigrazione proibisce alle persone che sono entrate illegalmente nel paese e ora hanno il TPS di cercare “carte verdi” per rimanere nel paese in modo permanente.

Questa classificazione si applica alle persone che provengono da paesi devastati da guerre o disastri. Li protegge dalla deportazione e consente loro di lavorare legalmente. Ci sono 400.000 persone provenienti da 12 paesi con TPS.

L’esito di un caso che coinvolgeva una coppia salvadoregna che si trovava negli Stati Uniti dall’inizio degli anni ’90 si è ribaltato sul fatto che le persone entrate illegalmente nel paese e che hanno ottenuto protezione umanitaria siano state “ammesse” negli Stati Uniti ai sensi della legge sull’immigrazione.

Kagan ha scritto che non lo erano. Il programma TPS concede ai cittadini stranieri lo status di non immigrato, ma non li accetta. Concedere un TPS, ha scritto, non rende il concorrente illegale … idoneo “per una carta verde.

Kagan ha osservato che la Camera dei Rappresentanti ha già approvato una legislazione che renderebbe possibile ai destinatari del TPS di diventare residenti permanenti. Il disegno di legge ha prospettive incerte al Senato.

Il caso ha contrapposto l’amministrazione Biden a gruppi di immigrati che sostenevano che molte persone arrivate negli Stati Uniti per motivi umanitari avevano vissuto nel paese per molti anni, avevano dato alla luce cittadini americani e avevano messo radici negli Stati Uniti.

READ  Mentre gli israeliani aspettano il destino di Netanyahu, i palestinesi colgono un momento di unità

Nel 2001, gli Stati Uniti hanno concesso agli immigrati salvadoregni la protezione legale per rimanere negli Stati Uniti dopo una serie di terremoti nel loro paese d’origine.

Le persone di altri 11 paesi sono ugualmente protette. Sono: Haiti, Honduras, Myanmar, Nepal, Nicaragua, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Siria, Venezuela e Yemen.

Kagan ha osservato che la decisione di lunedì non riguarda gli immigrati con TPS che inizialmente sono entrati negli Stati Uniti legalmente e poi hanno superato il limite del visto. Poiché queste persone sono state legalmente accettate nel paese e successivamente hanno ricevuto protezione umanitaria, possono cercare di diventare residenti permanenti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Tux Maniacs