Perché economisti e attivisti sono delusi dagli impegni with

(LR) Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro giapponese Yoshihide Suga, il primo ministro britannico Boris Johnson e il primo ministro italiano Mario Draghi danno un benvenuto ufficiale ai leader e una foto di famiglia durante il vertice del G7 a Carbis Bay , l’11 giugno 2021. A Carbis Bay, in Cornovaglia.

Leon Neal | Getty Images Notizie | Getty Images

LONDRA – L’incontro di tre giorni tra i leader di alcuni dei Paesi più ricchi del mondo è stato un fallimento, secondo alcuni economisti e attivisti, i quali sostengono che il gruppo non ha soddisfatto i propri criteri per concordare un’azione globale per il clima. La crisi e la pandemia di Covid-19.

I leader del Gruppo dei Sette, un gruppo delle più grandi economie avanzate del mondo, ha rilasciato una dichiarazione congiunta Domenica ha promesso di adottare misure sui vaccini contro il Covid-19, sulla Cina e sulla tassa aziendale globale.

Dopo essersi incontrati al Carpis Coast Resort in Cornovaglia, in Inghilterra, i leader promettere Per garantire un miliardo di dosi aggiuntive di vaccino contro il Covid nei prossimi 12 mesi, direttamente o tramite l’Organizzazione mondiale della sanità COVAX pianificato.

La dichiarazione di domenica ha anche invitato la Cina a “rispettare i diritti umani e le libertà fondamentali, in particolare per quanto riguarda lo Xinjiang e quei diritti e libertà e un alto grado di autonomia per Hong Kong sanciti dalla Dichiarazione congiunta sino-britannica e dalla Legge fondamentale”.

Il G7 si è impegnato a cancellare il suo contributo all’emergenza climatica, ribadendo il suo impegno a zero emissioni nette di gas serra entro il 2050 e promettendo di eliminare gran parte dell’energia da carbone. Ha anche sostenuto una tassa minima di almeno il 15% sulle grandi multinazionali per impedire alle aziende di utilizzare i paradisi fiscali per evitare le tasse, un’iniziativa guidata dagli Stati Uniti.

READ  La più grande nave della Marina iraniana ha preso fuoco ed è affondata nel Golfo dell'Oman

Gruppi tra cui COVAX e la Confederazione dell’industria britannica hanno annunciato gli annunci come significativi, con quest’ultima che ha affermato che il vertice ha “riacceso la convinzione che la comunità internazionale possa riunirsi in uno spirito di cooperazione per affrontare i grandi problemi del nostro tempo”.

Ma i critici affermano che le promesse non erano nuove, mancavano di dettagli e alcune erano chiaramente insufficienti.

“I leader del G7 hanno completamente fallito nell’affrontare le sfide che il mondo deve affrontare”, ha affermato Nick Dearden, direttore del gruppo della Campaign for Global Justice Now. “Dopo un fine settimana di diplomazia, tutto ciò che hanno fatto è stato ripetere i loro obiettivi climatici inappropriati e non riuscire a raggiungere i loro obiettivi inappropriati per l’immunizzazione globale”.

“Questo G7 è stato un esercizio inutile senza alcun progresso sostanziale nell’affrontare le crisi della nostra vita”, ha detto Dearden. “Questo vertice dimostra al di là di ogni dubbio che il G7 non è adatto allo scopo”.

Il Gruppo dei Sette è composto da Regno Unito, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti, ed è presente anche l’Unione Europea, che invia i vertici della Commissione Europea e del Consiglio Europeo. Anche l’Australia, l’India e la Corea del Sud sono state invitate a partecipare quest’anno.

Le crepe sono ancora lì.

Il vertice è stato visto come un’occasione d’oro per i responsabili politici di incontrarsi di persona e concordare azioni per affrontare alcune delle questioni globali più urgenti, come il coronavirus e le crisi climatiche in corso.

La dichiarazione non ha specificato un impegno o un calendario dettagliato paese per paese per l’azione sulla campagna globale di vaccinazione contro il Covid e molti impegni sono stati concordati in anticipo.

In una nota di lunedì, Paul Donovan, capo economista di UBS Global Wealth Management, ha definito il G7 un “vertice dei selfie”.

“Sembra che l’obiettivo principale della riunione del G7 (opportunità fotografica) stia andando bene. Il resto della riunione è stato sapientemente affrontato sulle lacune di opinione”, ha scritto.

Parlando con “Squawk Box Europe” della CNBC, Donovan ha aggiunto: “Non abbiamo avuto lo stesso tipo di impatto diretto e grande. Abbiamo molti dati opachi”.

“Le crepe potrebbero non essere profonde questa volta a causa del cambio di leadership negli Stati Uniti e del fatto che gli Stati Uniti stanno svolgendo un ruolo più attivo, ma le crepe rimangono”, ha affermato.

Gli attivisti di Extinction Rebellion (XR) partecipano al raduno “Sound The Alarm” durante il vertice del G7 in Cornovaglia l’11 giugno 2021 a St Ives, in Cornovaglia, in Inghilterra.

Jeff J. Mitchell | Getty Images Notizie | Getty Images

I paesi più ricchi del mondo sono stati presi di mira quando si tratta di ottenere un vaccino in mezzo alla pandemia.

Numerosi gruppi hanno spinto per la cessione di alcuni diritti di proprietà intellettuale sui vaccini e sui trattamenti Covid, tra cui l’Organizzazione mondiale della sanità, esperti sanitari, ex leader mondiali e associazioni di beneficenza mediche internazionali.

L’India e il Sudafrica hanno presentato congiuntamente una proposta all’Organizzazione mondiale del commercio nell’ottobre dello scorso anno, chiedendo la necessità per i responsabili politici di facilitare la produzione locale di trattamenti contro il Covid e rafforzare la campagna di vaccinazione globale.

Diversi mesi dopo, la proposta è stata respinta da un piccolo numero di governi, tra cui l’Unione Europea, il Regno Unito, la Svizzera, il Giappone, la Norvegia, il Canada, l’Australia e il Brasile.

Il successo della COP26 in bilico

“Abbiamo sentito parole calde sul piano verde Marshall e sulle ambizioni di vaccinare il mondo, ma questo è molto al di sotto di ciò che è necessario”, Egli ha detto Patrick Watt, direttore delle politiche, degli affari pubblici e delle campagne di Christian Aid.

“Questo è un piano parziale, non un piano Marshall”, ha detto Watt, osservando che la leadership del G7 non è riuscita a compiere progressi reali sulle promesse di aiuti, sulla completa riduzione del debito, sui finanziamenti per il clima e sul “vaccino dell’apartheid”.

“Il successo del vertice sul clima COP26 ora è in bilico. C’è ancora molto tempo per i paesi ricchi per presentare un pacchetto di solidarietà che affronti queste crisi interconnesse. Senza di esso, la COP fallirà”.

decisori politici sotto intensificazione di pressione Per mantenere le promesse fatte nell’ambito dello storico accordo di Parigi del 2015 in vista della conferenza COP26 di quest’anno, che si terrà a Glasgow, in Scozia, all’inizio di novembre.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Tux Maniacs