[Shell Programming] Introduzione alla Shell Bash

postato in: Articoli, Guida | 0

Episodio1
Con quello di oggi iniziamo una serie di post riguardanti la Shell Bash. In soldoni, impareremo a creare dei semplici script da far eseguire alla nostra macchina. Ma capiamo meglio di cosa si tratta la Shell di Linux.

 

 

COSA È LA SHELL:
Per definizione la Shell è un programma utente, con il compito di interpretare i comandi impartiti dall'utente. Ve ne sono di vari tipi, ognuno con il proprio set di comandi. In questa serie (se così la vogliamo chiamare) ci occuperemo della Shell Bash.
Bash sta per Bourne-Again SHell ed è quella più comunemente usata nei sistemi Linux.

La Bash è quindi un "esecutore" di comandi dell'utente?
Non proprio. Essa permette anche di eseguire dei programmi esterni. Tali programmi, che pian piano impareremo anche noi a scrivere, sono anche detti Script e hanno estensione .sh.

 

 

COME SCRIVERE UNO SCRIPT
Uno script, analogamente come un programma, è una sequenza di comandi ordinati logicamente seguendo un algoritmo.
Uno script viene scritto con un semplice editor di testo. Io uso Gedit ma è possibile crearli con qualunque editor di testo.
Cominciamo con qualcosa di semplice. Faremo stampare dal nostro script la scritta "Hello World".
Cominciamo aprendo Gedit e digitando:

#Primo script: HelloWorld.sh
 clear
 echo "Hello World!"

HelloWorld
Per eseguirlo dobbiamo prima renderlo eseguibile con il comando da terminale:

chmod +x HelloWorld.sh

e per eseguirlo diamo:

./HelloWorld.sh

Otterremo quindi il nostro output: Hello world

Il comando chmod è un po' strano in quanto possiamo passare da riga di comando dei parametri preceduti da +. Questo perchè per rendere eseguibile un file, il comando aggiunge un bit di controllo al file che rappresenta tale proprietà. Altri parametri con il + davanti sono:

  • r : Per rendere il file leggibile in sola lettura;
  • w : Per rendere il file in sola scrittura;
  • u : Per rendere il file di proprietà dell'utente attuale (Di un utilità mostruosa);
  • x : Per rendere il file eseguibile;
  • a : Per rendere il file di proprietà di tutti gli utenti;

 

 

RENDIAMO GEDIT L'EDITOR PREEFINITO
Come ultima cosa diamo da terminale:

echo 'export EDITOR="gedit"' >> ~/.bashrc

In questo modo settiamo come editor predefinito Gedit. Ovviamente se preferite altri editor basta inserire al posto di Gedit il nome della vostra scelta. Altri validi editor possono essere Sublime Text, vim, nano, ecc..

 

Link agli episodi successivi:

 

Fonti:

Dottore in Informatica. Appassionato di computer fin dal primo PC Olivetti con Windows 95 e la bellezza di 8 MB di RAM.
Utilizzatore Linux da 5 anni, credo profondamente nella filosofia open source.
Dopo tante distro provate sul mio fidato Toshiba, uso Fedora per lo studio e il divertimento.

Lascia un commento