Come installare Spotify su Fedora e CentOs

Spotify

Spotify ha introdotto grandi innovazioni nel campo della musica. Vediamo come installarlo su Linux!

 

 

INTRODUZIONE
Spotify è un servizio di streaming musicale nato nel 2006 che permette di ascoltare delle playlist preconfezionate o create da noi. Questo servizio fornisce moltissimi generi che spaziano dalla musica commerciale, al jazz, alla classica, il tutto sfumato da un'interfaccia grafica minimalista e molto elegante.
Permette oltretutto di spaziare con pochi click in generi che normalmente non avremmo mai ascoltato, ma sempre con semplicità e immediatezza.

Una delle caratteristiche più interessanti è la sezione "Scopri", che ci aiuterà ad ampliare i nostri orizzonti musicali.
Ovviamente il tutto condito con il lato social. Potremo sapere che musica ascoltano i nostri amici e che generi seguono di più, per seguirli così anche noi.

 

 

INSTALLAZIONE
La seguente procedura è valida per Fedora 19/20/21 e CentOs 7/RHEL.

Iniziamo la procedura di installazione aprendo il terminale e digitando:

 sudo yum-config-manager --add-repo=http://negativo17.org/repos/fedora-spotify.repo

In questo modo aggiungiamo il repository per scaricare il client per Linux.
Come sempre, dopo aver aggiunto il repository diamo il comando:

sudo yum update

 

Ora digitiamo ancora:

sudo yum install -y spotify-client

Una volta installato, lo troveremo nelle applicazioni e potremo così ascoltare tutta la musica che vorremo.

 

 

ABILITIAMO L'ICONA NELLA TRAY
Per visualizzare l'icona nella barra delle applicazioni, in alto a destra, ci appoggiamo a un estensione di Gnome chiamata TopIcons.
La potete installare seguendo questo link.

 

FONTI:
- Spotify;
- Negativo17 - Fedora Spotify Client;
- Immagini di Joel Garia;

Dottore in Informatica. Appassionato di computer fin dal primo PC Olivetti con Windows 95 e la bellezza di 8 MB di RAM.
Utilizzatore Linux da 5 anni, credo profondamente nella filosofia open source.
Dopo tante distro provate sul mio fidato Toshiba, uso Fedora per lo studio e il divertimento.

Lascia un commento