Configurare il Raspberry

Pi2ModB1GB_-comp

Salve a tutti!! In uno dei post precedenti abbiamo spiegato come installare il sistema operativoRaspbian sul nostro Raspberry pi.
Una volta completata l'installazione abbiamo la possibilità di configurarlo attraverso uno script. Oggi vediamo proprio questo la configurazione con lo script raspi-config.

Prima di procedere faccio una premessa, ossia con questo computer la maggior parte delle volte sarà comodissimo l'uso del terminale, e se non ne avete mai utilizzato uno state tranquilli a questo link abbiamo fatto una breve guida sui comandi principali del terminale.

 

PROCEDIMENTO
Accendiamo il nostro Raspberry che non avvierà l'interfaccia grafica ma rimmarrà su un terminale, poco importa tanto useremo proprio questo per la configurazione, per chi non ha un cavo HDMI, e quindi non riesce ad usare il Raspberry con uno schermo, apriamo un terminale,da un altro computer, e digitiamo:

 

ssh pi@ip_address

 

Per chi non sapesse cosa sia ssh e come si utilizza, vi rimandiamo alla nostra guida sul comando ssh. Digitato il comando ci chiederà la password dell'utente pi, se non avete cambiato ancora nulla, la password di default è “raspberry” (originale direi).
 
Bene ora che abbiamo il terminale aperto digitiamo il seguente comando:

 

sudo raspi-config
 
vi apparirà una schermata come la seguente:

 

rasp-config-menu

 

come vedete abbiamo a disposizione un menù con diverse opzioni per la configurazione, ora le andremo a vedere insieme.

 

Expand Filesystem
Durante l'installazione del sistema operativo abbiamo utilizzato una scheda SD da 4GB, non so se avete notato ma il sistema operativo occupa meno di 4GB. Noi lo abbiamo copiato con il comando “dd”, ovvero abbiamo fatto una copia bit a bit del SO sulla nostra scheda SD. Bene, ma il peso complessivo dell'immagine occupa poco più di 3GB, il restante GB che fine fa?? Con la copia bit a bit non abbiamo la possibilità di creare partizioni, quindi quello spazio rimanente è inutilizzato, veramente scomodo per il Raspberry che non ha un proprio disco fisso se non la nostra piccola SD ed eventuali dischi esterni collegati con l'USB. Ma per fortuna abbiamo questa opzione che ci permette di riavere quello spazio inutilizzato della nostra SD.

 

Change User Password
Dopo l'installazione di Raspbian come password di default abbiamo “raspberry” che, detto onestamente, non è il massimo della sicurezza, quindi se vogliamo cambiarla, grazie a questa opzione è molto semplice.

 

Enable Boot to Desktop/Scratch
All'avvio del computer, come avrete notato, non apparirà direttamente l'interfaccia grafica, ma con questa opzione possiamo fare in modo di avviarla durante l'accensione del nostro Raspberry.

 

Internationalisation Options
Con questa opzione abbiamo la possibilità di cambiare la lingua del nostro computer, regolare l'ora in base a dove siamo e selezionare il tipo di tastiera.

 

Enable Camera
Uno degli utilizzi più comuni di questo dispositivo è la video sorveglianza, si perché sono stati creati altri dispositivi da poter essere collegati al nostro mini computer, e tra questi c'è una piccola telecamera, e se vogliamo utilizzarla la possiamo abilitare con questa opzione.
 
Add to Rastrack
Con questa opzione associamo il nostro Raspberry con un account del sito http://rastrack.co.uk, che da come ho capito in questo modo tracciano tutti i Raspberry, della serie viva la Privacy!!:) Se ho sbagliato ad interpretare non esitate a segnalarcelo;)

 

Overclock
Il processore del nostro piccolo dispositivo ha un clock di 700MHz, lentino rispetto agli attuali computer in commercio. Ma volendo con questa opzione abbiamo la possibilità di aumentare il clock fino ad un massimo di 1GHz. Da notare che aumentando la frequenza del nostro processore, automaticamente aumentiamo anche la potenza utilizzata da esso, e quindi la corrente assorbita, in sintesi se noi alimentiamo il nostro dispositivo con un alimentatore a bassa potenza, (del tipo che non eroga nemmeno 500mA), c'è la possibilità che la corrente non basti per il nostro computer, con la possibilità che esso si spenga. Un'altra possibile conseguenza di questa opzione è che il processore duri di meno, infatti aumentando il clock, come detto aumenta anche la potenza, e quindi la CPU deve dissipare più calore di prima, ma di default il dispositivo non ha ne ventole e ne dissipatori, con la conseguenza inevitabile che esso si rovina più velocemente, quindi vi consiglio di procurarvi un dissipatore per questo processore (sul web se ne trovano parecchi), e usare un alimentatore che eroga più corrente se volete overcloccare la CPU.
 
Advanced Options
Come dice il nome qui abbiamo diverse opzioni avanzate:

 

advance-options-menu

 

  • Overscan.
  • Hostname, con questa cambiamo l'hostname del nostro computer.
  • Memory split.
  • SSH, da qui abilitiamo o disabilitiamo l'accesso con ssh.
  • SPI, abilitiamo o disabilitiamo l'accesso automatico con l'utente pi.
  • Audio.
  • Update, aggiorniamo il tool di configurazione.
 
About raspi-config
Da qui otteniamo delle informazioni su questo tool.

 

Bene una volta completata la nostra configurazione, per rendere effettive le nostre modifiche, selezioniamo sul fondo Finish e riavviamo il computer.

 

CONCLUSIONI
Bene ora abbiamo configurato il nostro Raspberry, ed è pronto per essere utilizzato, e per farci tutti gli esperimenti che vogliamo, quindi non resta che dirvi buon divertimento!!:D 

 

Dottore in Informatica. Da sempre appassionato di Linux, reti informatiche, sicurezza e, in modo amatoriale, all'elettronica. Il mio intento è quello di trasmettere le mie conoscenze ad altri appassionati.

Lascia un commento