Sostituire il lettore CD/DVD con un HDD o SDD sul vostro portatile

postato in: Articoli, Guida | 1

Arriva un momento, nella vita del nostro portatile, in cui lo spazio di archiviazione si esaurisce... Ma oggi è il giorno in cui poniamo rimedio a ciò. Quindi questo è il post in cui andiamo a sostituire l'hard disk?

Assolutamente NO!

Vi facciamo un semplice domanda: quante volte avete utilizzato il lettore CD/DVD del vostro portatile? 1 o 2 volte in alcuni anni? Oppure mai?
Allora questo è il post che fa per voi.
Impareremo infatti a rimpiazzare il lettore CD/DVD del nostro portatile con un Hard Disk o con un SSD.

Ah, tra l'altro, la procedura è semplicissima e non richiede alcuna conoscenza tecnica.
In più non invalida la garanzia del nostro computer. Quindi perché non farlo?

PERCHÉ FARLO?
Come detto in precedenza questa procedura viene spesso eseguita da persone che, come me, non utilizzano mai il lettore CD/DVD.

Oltretutto, non essendo particolarmente impegnativa, permette comodamente di aggiungere ulteriore spazio di memorizzazione all'interno del nostro portatile.

 

 

COSA CI SERVE
Per prima cosa ci servirà un normalissimo cacciavite piccolo a stella che si adatti alle viti del nostro portatile. Con l'acquisto dell'adattatore ve ne forniscono uno ma alcune volte, come nel mio caso, esso risulta troppo piccolo.

Per quanto riguarda invece l'hardware che andremo a inserire la questione è un po' più complicata. Come avrete di certo capito il lettore CD/DVD andrà tolto e sostituito da un alloggiamento dalla stessa forma che è detto Caddy.

Il Caddy è fondamentalmente di due dimensioni:

Il costo è identico indipendentemente dallo spessore che scegliete. Se non sapete quale prendere basta semplicemente espellere il vano del lettore CD/DVD e misurare con un righello lo spessore della parte interna al PC.

Il secondo componente è la periferica di archiviazione. In commercio ve ne sono di due tipologie:

  • HDD : Il classico hard disk a dischi magnetici rotanti. Chi non ne ha uno? Basso costo, buona affidabilità e semplice da utilizzare.
  • SSD : Talvolta chiamato anche hard disk a stato solido. Molto veloce, molto prestante e sicuramente più caro (anche se adesso meno) della sua controparte.

 

 

HDD – Western Digital WD500VLPX BLUE – 500 GB
La nostra scelta per quanto concerne gli hard disk ricade sul Western Digital WD500 Blue. Ottimo rapporto qualità prezzo: 500 GB di affidabilità garantita Western Digital, leader storico nel settore HDD, a 5400 giri/sec per non accorgersi della sua presenza. Ottima anche la sua resistenza agli urti pari a 3 g (cioè tre volte l'accelerazione di gravità).
Ecco il link per l'acquisto:
Western Digital WD5000LPVX BLUE HardDisk

 

 

SSD – Samsung SSD 850 EVO – 250/500 GB
Ci affidiamo a Samsung per quanto riguarda gli SSD. Parliamo di 250 GB o 500 GB di spazio di archiviazione a seconda di quanto aprite il portafoglio. Silenziosissimo e velocissimo, non riuscirete a stargli dietro. Abbiamo comunque un buon rapporto qualità prezzo e la grande chicca di 5 anni di garanzia sul prodotto.
Qui di seguito i link per l'acquisto:
Samsung SSD 850 EVO, 250 GB
Samsung SSD 850 EVO, 500GB

 

 

COSA SCEGLIERE?
Per portare a termine il nostro compito dobbiamo fare due scelte.
La prima riguarda la dimensione, o meglio, lo spessore del Caddy. Questa decisione dipende solamente dal fattore di forma che ha il nostro portatile. Quello che dovete guardare per prima cosa è lo spessore del computer con lo schermo chiuso. Il Caddy da 12,7 mm normalmente è per tutti i portatili spessi intorno ai 3 cm.
Per fugare ogni dubbio apriamo il lettore CD e misuriamo lo spessore del lettore CD/DVD come da immagine. Abbiamo così scoperto il formato corretto che ci serve.

La seconda scelta è molto più ardua e vi sono molti pro e molti contro da ambo le parti. Analizziamoli meglio confrontandoli caratteristica per caratteristica:

 

Prestazioni:
Iniziamo il confronto partendo dalle prestazioni.
Gli Hard Disk sono quello che sono. Girano attorno ai 60 – 70 MB/sec a seconda dei modelli che scegliamo e soprattutto a seconda della velocità di rotazione dei piatti.
Gli SSD di fascia media raggiungono una velocità di “crociera” pari a 530-540 MB/sec.
C'è quindi una notevole differenza. La quale va valutata anche in rapporto dell'utilizzo che fate del vostro PC.

 

Costo:
Tutta questa velocità degli SSD non è gratuita purtroppo. La andiamo a pagare intorno a 150-300€ per i modelli di fascia media e a salire se si vuole di più.
In confronto gli HDD sono molto più economici e infatti la fascia di prezzo oscilla tra i 50€ e i 150€.
Un altro modo di vedere le cose è in rapporto di euro/GigaByte. Per gli HDD si assesta attorno a 10 Cent/GB mentre per gli SSD ci aggiriamo intorno ai 50-60 Cent/GB.

 

Consumi:
Qui vincono di nuovo il confronto gli SSD. Infatti non avendo parti meccaniche in movimento tendono a consumare meno. Questo è un fattore molto importante da valutare in caso di portatili con una bassa autonomia della batteria.

 

Usura e supporto da parte dei sistemi operativi:
Uno dei difetti maggiori dei dischi a stato solido è quello di patire pesantemente le sovrascritture. Intendiamoci questo non vuol dire che va utilizzato poco, tutt'altro. Semplicemente va trattato in modo diverso rispetto agli HDD.
Gli ultimi Hard Disk hanno una durata di 5 – 10 anni se tenuti bene, a differenza degli SSD che variano dai 3 – 7 anni. Questo è forse il difetto peggiore che possiamo trovare su un SSD se non consideriamo il prezzo.

Quindi, se siamo intenzionati ad acquistare un SSD ci dobbiamo assicurare che il sistema operativo che utilizziamo più di frequente supporti completamente l'installazione su SSD di ultima generazione.
Nativamente gli ultimi so di Windows e Apple supportano molto bene gli SSD. Per quanto riguarda Linux va verificato a seconda della distribuzione che utilizziamo.

 

Less GigaHertz more ssd:
Concludendo richiamo una massima di saggiamente.com, che degli SSD ha fatto il suo cavallo di battaglia, sul fatto che anche con un processore di fascia bassa si vive bene con un SSD.
Quindi è un altro elemento da considerare nel caso avessimo un PC poco potente o molto datato. Mettete un SSD all'interno del vostro PC e vi sembrerà averne un nuovo computer!

 

 

LA MIA SCELTA: UN ESEMPIO PRATICO
Dato che la scelta dipende molto dall'utilizzo che facciamo del nostro PC, vi presento il mio caso.
Per prima cosa ho necessità di spazio aggiuntivo dato che ho un dual boot Windows 8 – Fedora 21, e non utilizzo mai il lettore CD/DVD.
Qui l'idea di eliminarlo a favore di un HDD aggiuntivo.

Facendo programmazione non ho bisogno di una grande velocità in lettura e scrittura, ma amando sperimentare molte distribuzioni ho bisogno di un notevole spazio di archiviazione.
Non ho però la disponibilità finanziaria per l'acquisto di un SSD da 500 GB e scegliere un SSD meno capiente per le mie esigenze non ha senso.

La scelta è quindi ricaduta sull'ottimo HDD della Western Digital da 500 GB.

 

 

PROCEDIMENTO
Questa guida è stata testata personalmente da me sul mio Toshiba. Per chiarezza io ho utilizzato il Caddy da 12.7 mm e ho acquistato l'HDD Western Digital che vi abbiamo presentato prima.

Per prima cosa prendiamo il nostro portatile e togliamo il cavo di alimentazione e batteria.
Subito dopo, con il laptop ribaltato, prendiamo il Caddy che abbiamo acquistato e lo sovrapponiamo sullo chassie del PC in corrispondenza del lettore cd.
Questa mossa serve a trovare quale delle molteplici viti tiene legato il lettore CD/DVD al PC. Quindi circa a metà del lato più interno del Caddy troviamo una vite piantata nel case del PC.

 

vite1

 

Alcune volte è visibile esternamente, altre volte invece, come nel mio caso, è interna e va quindi prima tolta la copertura.
Una volta trovata, la svitiamo e facciamo leva sulla mascherina del lettore, come da immagine.

estrazione_dvd

 

Si dovrebbe sfilare il lettore CD/DVD abbastanza semplicemente.

 

lettore_estratto

Ora con santa pazienza stacchiamo la mascherina che copre la parte esterna del lettore e la attacchiamo al Caddy. Attenzione: questa copertura è attaccata per mezzo di due levette!

Fatto questo dobbiamo svitare il fermo del lettore e montarlo sul Caddy facendo attenzione a rimontarla nella stessa posizione. Come possiamo vedere dall' immagine è un piccolo pezzetto di metallo che tiene posizionato il lettore nella corretta posizione.

 

differenza_caddy

Successivamente inseriamo all'interno del Caddy il nostro HDD o SSD a seconda di quello che abbiamo acquistato seguendo le istruzioni presenti sull'adattatore.

 

caddy_hard_disk

Ora non ci resta che inserire il Caddy nel nostro portatile. Riavvitiamo la vite e il gioco è fatto.

 

 

CONCLUSIONI
Eccoci alla fine. Ora possiamo riaccendere il nostro portatile e gustarci tutto il nuovo spazio di archiviazione.

 

 

RINGRAZIAMENTI
Un particolare ringraziamento va a Alessandro Porro per gli oculati consigli su SSD.

 

FONTI:

Dottore in Informatica. Appassionato di computer fin dal primo PC Olivetti con Windows 95 e la bellezza di 8 MB di RAM.
Utilizzatore Linux da 5 anni, credo profondamente nella filosofia open source.
Dopo tante distro provate sul mio fidato Toshiba, uso Fedora per lo studio e il divertimento.

Una risposta

  1. e non sarebbe possibile spostare il so dall hdd al nuovo ssd e far si che il portatile/so parta direttamente dall ssd
    Cioè far si che ssd sia il disco C.?

Lascia un commento